Il vino è molto più di una bevanda: è un dono nella vita delle persone. E noi ne siamo gli orgogliosi custodi.

Nel nostro vino c’è il nostro sapere, l’amore per questa terra, per ciò che ci è stato tramandato, c’è l’autenticità di un lavoro umile fatto con il cuore.

I nostri vini si dividono in 3 collezioni legate da un filo: la famiglia.

Te le presentiamo!

 

Collezioni

 

 

La famiglia a tavola

Sono i nostri vini base, i vini che possiamo portare tutti i giorni a tavola con noi. Un rosso, un bianco e un rosato. Eleganti, ma non troppo impegnativi, sono in grado di accompagnare egregiamente i piatti che amiamo gustarci ogni giorno.

La famiglia a tavola: Bardolino Classico, Chiaretto Classico, i Santi, l’Aurora Chiaretto Spumante

 

Le creazioni di Marcello

Sono questi i vini che Marcello ha voluto, progettato e creato.

Con loro ha provato, sbagliato, è cresciuto insieme. Sono vini che rispettano sempre ciò che la natura dona. Se questa si fa troppo severa e vengono a mancare i requisiti qualitativi, si salta l’annata.

Sono vini a tiratura limitata perché richiedono molte attenzioni, dalla vigna alla cantina, ma sono il frutto di una passione smisurata e della continua volontà di migliorarsi, stagione dopo stagione.

Le creazioni di Marcello: Pinot Grigio, Ninì, San Fermo, San Fermo REvolution

 

 

Racconti in bottiglia

Sono i vini di Erika e Giorgia, pensati con la mente di una giovane generazione di viticoltrici. Portano con loro gli studi e le esperienze lavorative di Giorgia e il desiderio di Erika di chiudere in bottiglia i ricordi più belli della loro infanzia. A ogni vino è associato un racconto illustrato ispirato alla vita in campagna.

Racconti in bottiglia: Còralin, il nuovo Bardolino

 

 

Ora che ti abbiamo presentato i nostri vini, ti mostriamo come li facciamo.

 

Uve e vigneti: tutto parte da qui

Tutti i nostri vitigni autoctoni sono situati nella zona vitivinicola del Bardolino Classico, a sud-est del lago di Garda, cuore della produzione di questo tipico vino veronese. Attualmente produciamo 900 quintali di uva da 10 ettari di terreno distribuiti in 4 diversi vigneti.

Le condizioni climatiche particolarmente miti del Lago di Garda, anche in inverno, contribuiscono a rendere questa zona una delle più adatte alla coltivazione della vite. Inoltre le colline del Garda che si sono formate con i residui dei ghiacciai scesi a valle, sono caratterizzate da un terreno molto minerale, ed è su questa terra calda, asciutta e ricca di sabbia, sassi e ghiaia che nascono i nostri vini.

Per realizzare il Bardolino utilizziamo uve diverse: la Corvina che dà corpo e struttura, il Corvinone, una varietà di Corvina più antica che permette di riscoprire i sapori del Bardolino di una volta, la Rondinella e la Molinara, che donano leggerezza e sapidità.

Nei vitigni coltiviamo anche Chardonnay, Garganega e Merlot, che usiamo per produrre il nostro vino bianco I Santi, il San Fermo IGP e il passito EriGiò.

 

 

Come produciamo i nostri vini

I nostri vigneti sono allevati a pergola e a guyot, per assicurare all’uva la giusta temperatura e la miglior protezione. Se l’annata è troppo abbondante capita che andiamo a togliere i grappoli in eccesso per permettere alla vite di concentrare tutte le sue energie sui grappoli restanti, così da ottenere uve di alta qualità.

La produzione contenuta (circa 800/900 ettolitri l’anno) ci permette di seguire con attenzione tutte le fasi di vinificazione, a partire proprio dai lavori in campagna. Dalla potatura verde estiva per la selezione dei grappoli alla raccolta settembrina, tutti i lavori di viticoltura vengono effettuati manualmente.  

Una volta portati i grappoli in cantina, cerchiamo di preservarne quanto più possibile l’integrità e facciamo attenzione alla temperatura del vino, specialmente durante la fermentazione. Per il Bardolino Chiaretto si tratta di un momento molto delicato: più la fermentazione è lenta e fredda, più sono gli aromi che possiamo estrarre dal vino.

Ai metodi tradizionali si affiancano nuove tecnologie e macchinari all’avanguardia per la lavorazione delle uve. Il passaggio nella pressa pneumatica a membrana centrale permette di estrarre il mosto fiore dalle bucce, avviandolo così alla fermentazione con caratteristiche qualitative superiori a qualsiasi altro sistema di pressatura. Questo fa bene soprattutto ai vini bianchi e al Bardolino Chiaretto: lo dimostrano i numerosi riconoscimenti ottenuti dai nostri vini a livello nazionale e internazionale.

 

 

Tecniche di vinificazione 

Seguiamo con attenzione tutte le fasi di vinificazione, selezionando per i nostri vini solo i grappoli migliori e assicurando la giusta fermentazione dei mosti, con vasche a temperatura controllata.

L’arte e la scienza della vinificazione sono un’avventura di apprendimento continuo. Il vero equilibrio della vinificazione si raggiunge quando la scienza e l’arte si incontrano creando una bottiglia di vino che vale la pena bere.Vuoi visitare la vigna e assaggiare i nostri vini? 
Ti aspettiamo per una degustazione in cantina!