Latest News

IMG_Blog_Win&More_Come_conservare_il_vino_Novembre_2017_Marchesini_Winery_1970

Come conservare il vino: 5 regole d’oro

Posted on

Come conservare il vino: 5 regole d’oro

Dopo l’imbottigliamento, il vino cambia ancora. L’affinamento in bottiglia, meglio conosciuto come invecchiamento, comporta un’ulteriore maturazione del vino che gli permette di raggiungere il massimo delle qualità organolettiche. Come facilitare questo processo, senza alterarlo? Ecco alcuni semplici accorgimenti su come conservare al meglio il vino e creare una vera e propria cantina in casa.

  1. Assicurati che la temperatura sia sempre costante
    La temperatura dell’ambiente in cui vengono conservate le bottiglie di vino deve essere quanto più possibile costante. Gli sbalzi rischiano di alterare la qualità del vino e temperature troppo alte o troppo basse possono comprometterne la maturazione. Se non hai la possibilità di sfruttare una cantina sotterranea, assicurati almeno che la stanza in cui tieni le bottiglie abbia una temperatura tra i 10°C e i 16°C. La temperatura di conservazione ideale è di 10-12°C per i vini bianchi e 12-15°C per i vini rossi.Evita di riporre le bottiglie in mansarda o nel sottotetto, così come in cucina: questa stanza della casa è infatti quella più soggetta a variazioni di temperatura che possono incidere negativamente sulla conservazione del vino.
  2. Conserva il vino in un ambiente umido
    Anche la percentuale di umidità presente nell’ambiente è un fattore molto importante da tenere in considerazione, quando si sceglie dove conservare del vino. Una cantina troppo secca può causare il fenomeno del “tappo asciutto” e facilitare l’ossidazione del vino. Una cantina troppo umida, invece, rischia di far sviluppare muffe sui tappi, compromettendo la qualità del vino. L’ideale sarebbe mantenere un livello di umidità costante tra il 60% e l’80%.
  3. Tieni il vino al riparo dalla luce
    Il vino ama il buio. La luce naturale, così come quella artificiale dei neon, possono innescare processi ossidativi e causare l’alterazione del vino. La soluzione è un ambiente buio o con una luce soffusa; in alternativa puoi anche conservare le bottiglie in una scatola di legno o di cartone spesso, proteggendo così il vetro dalle infiltrazioni di luce.
  4. Riponi le bottiglie in posizione orizzontale
    Per far durare più a lungo una bottiglia di vino chiusa riponila su uno scaffale di legno, in posizione orizzontale o leggermente inclinata (5°). In questo modo il vino bagnerà sempre il tappo di sughero, lasciandolo umido ed elastico e facendolo aderire bene al collo della bottiglia. Questo semplice accorgimento impedisce all’aria di entrare ed evita che il vino si ossidi. Per le bottiglie con tappi sintetici, invece, il problema non sussiste.Nel caso di vini da invecchiamento prolungato, ricordati di mettere la bottiglia in verticale il giorno prima di consumarla, così da far depositare l’eventuale sedimentazione nella parte bassa.
  5. Crea un ambiente areato, privo di odori
    L’ambiente in cui conservare le bottiglie di vino deve essere silenzioso (cioè privo di vibrazioni), ma soprattutto ben areato. È sconsigliato tenere il vino in cantina, se ci sono anche salumi e formaggi a stagionare, così come è meglio evitare l’autorimessa. Il vino assorbe gli odori e potresti rischiare di alterarne profumi e sapori.

Adesso che hai capito come conservare il vino in casa, puoi pensare di crearti una piccola cantina di bottiglie pregiate da stappare nelle occasioni speciali.

Se ti piace il rosé, qui trovi alcuni consigli su come scegliere i migliori vini rosati.

Se invece preferisci un bianco fruttato o un rosso corposo, vieni a trovarci a Lazise. Ti faremo assaggiare i nostri vini e ti suggeriremo come abbinarli al meglio con le diverse pietanze.

Vieni a fare una degustazione in cantina.